#ComuniCARE: PRENDIAMOCI CURA DELLA COMUNICAZIONE E DEL NOSTRO PAESE!

EconomiaInternazionalePolitica

Tech war più che trade war: dallo scontro Cina-Usa al mondo tecnologico bipolare

Nel dicembre 2018, l’arresto di Wanzhou Meng, direttrice finanziaria e figlia del leggendario fondatore di Huawei, è stato per molti uno Sputnik Moment, espressione utilizzata ancora oggi  per riferirsi al momento in cui “è necessario prendere  atto della propria arretratezza su una certa questione11”, come avvenne nel 1957, quando l’Unione Sovietica mandò in orbita il primo satellite artificiale, lo Sputnik 1. Tale azione ha infatti reso palese la sostanza profonda dello scontro tra Cina e Stati Uniti, ovvero la supremazia tecnologica. “It’s not a trade war, it’s a tech war”, sintetizzano efficacemente alcuni analisti statunitensi, come Michael Morell22

La guerra commerciale è dunque solo la punta dell’iceberg di una partita onnicomprensiva, dove a farla da padrone è la dimensione tech. Dal 5G all’intelligenza artificiale, dal quantum computing ai cavi sottomarini in fibra ottica: la titolarità geopolitica di questo secolo si giocherà in gran misura nella dimensione esoterica quanto tangibile della Rete.

Il primato tecnologico Usa e l’affronto cinese

Godere del primato tecnologico è condizione necessaria, ma non sufficiente, per essere la prima potenza mondiale. In parole più semplici: essere un Paese avanzato tecnologicamente non implica che tu riesca a dominare il mondo, ma se domini il mondo allora sarai certamente all’avanguardia tecnologica. Tuttavia, occorre non scadere nel mito del tecnologismo, incline a trascurare i vincoli di potere, spazio e tempo. La tecnologia è fondamentale, ma “ogni dimensione tecnologica contiene uno sviluppo fisico che non può essere eliminato”, come precisato33 dal consigliere scientifico di Limes Alessandro Aresu. 

Gli Stati Uniti sono stati i genitori di Internet, del GPS, del microprocessore alla base dei nostri telefoni, dei social network su cui passiamo le nostre giornate, nonché supremi controllori dei cavi sottomarini oceanici sui quali viaggia il 99% dei dati scambiati in Rete. Le grandi aziende della Silicon Valley non sono figlie del mondo, come retoricamente amano vendersi al grande pubblico, bensì restano profondamente americane, quindi soggette alla volontà ed ai capricci di Washington. L’intelligence statunitense si serve di esse per spiare il mondo intero, sicura di “poter conoscere i cittadini stranieri meglio dei loro governanti, dunque di anticipare tendenze politiche e reazioni a impulsi specifici”. Certi di “poter controllare da remoto quanto avviene nel pianeta44”. 

Questo strapotere a stelle e strisce viene oggi insidiato dalla Cina, che ambisce a ridurre il gap tecnologico attraverso ambiziosi piani, come Made in China 2025, finalizzato a rendere l’Impero del Centro autosufficiente in settori chiave come i semiconduttori, la robotica, l’IT e l’aerospazio. Affronto inaccettabile agli occhi di Washington, che sta reagendo violentemente per impedire che ciò si realizzi.

Immagine che contiene screenshot

Descrizione generata automaticamente

La tecnologia serve alla Cina per evitare una nuova “umiliazione”

I cinesi sono caratterizzati da una spiccata memoria storica e non dimenticano facilmente. In ragione di ciò, hanno appreso una lezione fondamentale dal cosiddetto “secolo dell’umiliazione” (indicativamente compreso tra il 1839 ed il 1949): il ritardo tecnologico si paga a caro prezzo. In quell’occasione, tra la fine della dinastia Ming e l’inizio dell’era Qing, la scienza e la tecnica cinesi rimasero drammaticamente indietro rispetto a ciò che stava avvenendo nei Paesi europei e nel vicino Giappone. Tale ritardo costò alla Cina due Guerre dell’Oppio, i Trattati ineguali, la rivolta dei Taiping, la sconfitta nella guerra sino-francese e nella prima guerra sino-giapponese, la rivolta dei Boxer, l’invasione giapponese della Manciuria e la seconda guerra sino-giapponese. 

Pechino intende quindi far leva sui suoi punti di forza per diventare leader indiscussa delle nuove tecnologie emergenti, sottraendosi al giogo americano e iniziando a dettare, almeno in parte, delle regole dello scontro. Il vantaggio cinese si deve a tre fattori: 1) le aziende godono di un sostegno statale impareggiabile; 2) oggi la Cina è il più grande bacino di utenti internet del mondo, è l’Arabia Saudita dei dati; 3) la società cinese non si pone scrupoli etici nello sviluppare tecnologie nuove e rivoluzionarie, elemento cruciale per ridurre il tempo che intercorre tra una scoperta e la sua implementazione. 

Immagine che contiene stereo

Descrizione generata automaticamente

La reazione americana non si è fatta attendere

Gli spaventosi progressi cinesi nell’intelligenza artificiale e nel 5G hanno allarmato i laboratori strategici americani, preoccupati di perdere la leadership tecnologica del pianeta. Affinché il lettore abbia chiara la portata della reazione statunitense, elencheremo alcune tappe cruciali. 

Il caso Zte, in primis, evidenzia plasticamente la crescente compenetrazione tra diritto, economia e geopolitica, che configura uno scontro tra opposti capitalismi politici. Il colosso cinese delle telecomunicazioni viene infatti accusato nel 2016 di violare le sanzioni americane verso l’Iran e la Corea del Nord. L’anno successivo la società cinese viene multata e le vengono imposte numerose prescrizioni da parte del Governo americano. Nel 2018 avviene il colpo di scena: il mancato rispetto delle suddette prescrizioni induce il Dipartimento del Commercio a vietare a Zte l’acquisto di prodotti da fornitori americani per sette anni. Zte a maggio 2018 dichiara quindi il sostanziale fallimento e la cessazione delle attività. Solo un intervento di Trump, su richiesta di Xi Jinping, alleggerirà le condizioni e permetterà alla società cinese di tornare a respirare. Previo commissariamento americano, ovviamente. 

Il dossier Huawei è invece quello più noto e scottante, in quanto interessa una tecnologia chiave come il 5G e tocca noi europei (italiani in primis) da vicino. La rete di quinta generazione sarà il sistema nervoso centrale delle nostre economie e società, quindi la posta in gioco per il suo controllo è elevatissima. Prima è stata arrestata la direttrice finanziaria, poi numerosi Paesi hanno messo al bando Huawei o circoscritto la sua presenza nelle Reti, mentre altri sono in procinto di prendere una decisione in merito. Qui l’economicismo si scontra con le esigenze strategiche: i servizi 5G di Huawei costano meno della concorrenza e sono di buona fattura. Ma sono cinesi e scatenano le ire degli Stati Uniti, colpevoli di aver sottovalutato l’importanza della tecnologia 5G e di non aver saputo sviluppare un’alternativa seria e credibile. Pechino ha, inoltre, sfruttato l’emergenza coronavirus per testare55 sul campo applicazioni pratiche del 5G: droni, automobili a guida autonoma, cellulari e cloud computing per l’insegnamento scolastico a distanza. Per esempio, a Wuhan, ormai noto epicentro dell’epidemia, le strade sono state sanificate da centinaia di furgoncini driverless. Dunque, mentre il mondo rallenta lo sviluppo delle nuove tecnologie, la Cina rilancia la sua scommessa sulle reti di quinta generazione.

Nel 2019, invece, Google, su pressione governativa, ha tolto la licenza Android a Huawei, mentre è notizia66 di questi giorni che l’Amministrazione Trump avrebbe avviato colloqui con Intel Corp. e Taiwan Semiconductor Manufacturing Co. per costruire nuove fabbriche di chip negli Stati Uniti e ridurre la dipendenza dell’economia digitale dalla Cina. “I semiconduttori sono fondamentali per la resilienza economica e la sicurezza nazionale degli Stati Uniti”, ha affermato John Neuffer, Presidente della Semiconductor Industry Association.

Pubblico e privato, anche nella liberale America, si saldano per contrapporsi al nemico asiatico. 

Immagine che contiene screenshot

Descrizione generata automaticamente

Un mondo tecnologico bipolare?

Eric Schmidt, già CEO di Google, ha preannunciato per il 2028 una Rete divisa in due, una parte a guida americana e l’altra a trazione cinese77. Brad Smith, attuale Presidente di Microsoft, nel suo ultimo libro (Smith B., Tools and Weapons, 2019) ha parlato di “mondo tecnologico bipolare”.  

Il Financial Times, alla ricerca di una parola che potesse descrivere il 2019, ha fatto una scelta88 emblematica: decoupling. Questo termine, ignoto ai più fino a qualche anno fa, ora viene utilizzato per descrivere il disaccoppiamento, o meglio la separazione tra sistemi economici, tecnologici e socioculturali. Cina e Stati Uniti, fino a poco più di dieci anni fa, erano legati alla stessa locomotiva, a tal punto che si parlò di Chimerica e di G-2 tra Pechino e Washington. Oggi quei due vagoni stanno prendendo binari differenti. Con grande difficoltà, perché la ferrovia è dissestata. D’altronde, cancellare un interscambio commerciale di più di 600 miliardi dalla sera alla mattina è materialmente impossibile. 

Infine, si è arrivati anche a discutere di inconciliabilità delle rispettive culture: la direttrice della pianificazione politica presso il dipartimento di Stato Usa, Kiron Skinner, ha parlato di scontro di civiltà tra Cina e Stati Uniti, richiamandosi maldestramente al politologo Samuel Huntington. Il già citato Brad Smith ha infine affermato che, presa una fotografia di una tigre nella giungla, l’americano tenderà a focalizzarsi sulla tigre e su ciò che essa può fare, mentre il cinese si concentrerà sulla giungla e su come l’ambiente possa influenzare ogni aspetto della vita della tigre. Antropologia più che economia o tecnologia. 

I vagoni si stanno dunque sganciando. Speriamo solo non deraglino.


1 https://www.ilpost.it/2017/10/04/sputnik/
2 https://www.washingtonpost.com/opinions/its-not-a-trade-war-with-china-its-a-tech-war/2018/12/14/ec20468e-ffc5-11e8-862a-b6a6f3ce8199_story.html
3 https://www.limesonline.com/cartaceo/la-consolante-favola-del-primato-tecnologico-e-della-connettivita?prv=true
4 https://www.limesonline.com/cartaceo/limpero-informatico-americano-alla-prova-cinese
5 https://asia.nikkei.com/Spotlight/5G-networks/Coronavirus-helps-China-pull-ahead-in-the-5G-race
6 https://www.wsj.com/articles/trump-and-chip-makers-including-intel-seek-semiconductor-self-sufficiency-11589103002?mod=hp_lead_pos6
7 https://www.washingtonpost.com/technology/2018/09/21/former-google-chief-predicts-internet-will-split-by-chinese-web-an-american-one/
8 https://www.ft.com/content/42aa2664-1c12-11ea-9186-7348c2f183af

Related posts
ComunicazioneInternazionaleTecnologia

App di tracciamento. Cosa sono e quali conseguenze per la privacy?

InternazionalePolitica

Risposte al COVID-19: un approccio comparato

ComunicazionePolitica

Sfiducia a Bonafede: l’analisi degli interventi al Senato

EuropaPolitica

Il Sovrano tra emergenza ed eccezione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *