VUOI METTERTI IN GIOCO IN UN CONTESTO DINAMICO?

#chiacchieredaBuzzSportsComunicazioneSport

La Roma e la voglia di emergere

L’affermazione del Digital Marketing, in Italia, ha subito un forte rallentamento rispetto ad altri paesi. Ma, anche se in ritardo, nel mondo del calcio sono sempre di più le società che hanno iniziato ad integrarlo nelle loro strategie. Per quanto riguarda il panorama italiano possiamo affermare che la Roma ha agito da trendsetter nel mondo digitale. Infatti, l’arrivo a Roma della proprietà americana ha portato una ventata di innovazione all’interno della società: infatti, proprio  con l’arrivo di Paul Rogers a capo della comunicazione digitale della Roma, grazie alla sua esperienza e la sua visione innovativa la società ha iniziato a sfruttare le potenzialità del digitale.

Prima di iniziare a parlare di alcune strategie digitali della Roma, andiamo a vedere i numeri social che ha attualmente:

Grazie soprattutto al lavoro della società romana, in Italia è cambiato il modo di comunicare online. Infatti, la società giallorossa è stata la prima ad introdurre il fenomeno delle presentazioni social. Il video che vedremo di seguito, è stato uno dei primi esempi di presentazione di un giocatore in un modo del tutto innovativo. 

LINK TWEET (https://twitter.com/OfficialASRoma/status/880818320630579200?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E880818320630579200&ref_url=https%3A%2F%2Fwww.buzzsports.it%2Fcome-la-roma-ha-cambiato-il-modo-di-comunicare-online%2F)

Grazie a questi video che hanno avuto una risonanza davvero enorme, in Italia è nato un nuovo fenomeno ripreso poi da moltissime squadre. Una su tutte l’Inter, come abbiamo descritto nel precedente articolo. Questo tipo di iniziativa ha fatto sì che la Roma, secondo un report di Result Sport (https://www.asroma.com/it/notizie/2017/01/social-media-la-roma-uno-dei-club-europei-cresciuti-di-piu-nel-2016), fosse una delle squadre con la più alta percentuale di crescita di online in Europa.

L’utilizzo della blockchain nel mondo del calcio  

Un altro passo importante compiuto dalla Roma è stata la recente collaborazione con il gioco di calcio digitale “Sorare”. Questa iniziativa ha permesso al club di entrare nel mondo della blockchain. Infatti, Sorare è un gioco di carte digitali che sfrutta questa tecnologia e permette agli utenti di collezionare e scambiare carti attraverso le quali formare il proprio team. In questa piattaforma ci sono già altri 30 club tra cui Atletico Madrid e Schalke 04. La blockchain è una tecnologia che in Italia è ancora vista con scetticismo anche se  negli ultimi anni sembra si stia iniziando a muovere qualcosa: società come Fiorentina e Juventus hanno iniziato a svolgere attività tramite l’uso di questa tecnologia. 

Come la Roma sfrutta Twitter?

Una delle cose che ha incuriosito di più, tifosi e non, è il modo in cui la società giallorossa utilizza Twitter. Rispetto a social con più utenza come Facebook ed Instagram, come possiamo vedere anche dai numeri descritti nella tabella, è su Twitter che la Roma si permette di sperimentare un tipo di comunicazione diverso. Ecco infatti un esempio dopo il terzo gol della Roma contro il Barcellona:

LINK TWEET (https://twitter.com/OfficialASRoma/status/983805519017271296?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E983805519017271296&ref_url=https%3A%2F%2Fwww.ilpost.it%2Fflashes%2Froma-barcellona-champions-league-twitter)

Ma in che modo la Roma riesce a sperimentare? La risposta è molto semplice, l’account twitter in lingua inglese. La Roma infatti ha creato questo account interamente in lingua inglese, in modo da poter arrivare a più persone possibili, dove però lo stile comunicativo è totalmente differente da quello principale (molto più istituzionale). L’account inglese della Roma è diventato ormai un’istituzione riconosciuta ufficialmente, infatti anche Pulsar (piattaforma di monitoraggio dei social) ha individuato quello della Roma come il miglior account in lingua inglese nel mondo del calcio; dietro la Roma troviamo Bayern Monaco e Bayer Leverkusen. Lo studio effettuato da Pulsar ha registrato, in un mese, un tasso di engagement pari al 65.3%. Questo numero non vi dice niente? Allora basta pensare che società come City, Liverpool e Chelsea hanno un tasso pari al 2%. 

Il mondo dell’eSports

Da febbraio 2017 invece la Roma è entrata ufficialmente anche nel mondo degli esports. n questo ambito la società romana è stata una delle prime in Italia, iniziando a formare una squadra in grado di competere nel mondo dei videogiochi. Al momento il team esports è composto da tre giocatori: Damie, Spiderkong e Zelonius. Il mondo dei videogiochi è in fortissima crescita, soprattutto nell’ultimo anno, tanto che è stata ufficialmente presentata la eSerieA Tim:

LINK TWEET (https://twitter.com/SerieA/status/1225022472262574080?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1225022472262574080&ref_url=https%3A%2F%2Fwww.ilfattoquotidiano.it%2F2020%2F02%2F06%2Feseriea-tim-e-ufficiale-la-lega-serie-a-debutta-negli-esports-tutti-i-dettagli%2F5698335%2F)

Questo è un passo molto importante per l’Italia che finalmente ha iniziato a capire le potenzialità degli esports e quanto mercato si nasconde dietro questo mondo. Ormai gli esports coprono da anni una buona fetta del mercato dell’intrattenimento e non può più essere considerato come un fenomeno passeggero ma come un vero e proprio business, appunto. A proposito, si sta discutendo se inserire nelle Olimpiadi gli eSports come disciplina. 

In conclusione, possiamo dire che la Roma è sicuramente una delle società più innovative nel panorama italiano ma soprattutto è la società che più di tutte ha iniziato a sfruttare le potenzialità del digitale per poter comunicare con i propri tifosi e per poter ampliare i propri confini.

Related posts
ComunicazioneDigitalTecnologia

Infrastrutture di rete: comunicare per vivere

ComunicazioneEconomia

Intervista a Gianluca Comin

ComunicazioneManagement

ATAC, una ripartenza tra digitalizzazione e smart working: parola al Dott. Cingolani

ComunicazioneInternazionaleTecnologia

App di tracciamento. Cosa sono e quali conseguenze per la privacy?


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *